Archivio tag | brioche col gelato

LA MIGLIORE GELATERIA DI GRONINGEN

Volevamo fare un post sulla migliore gelateria di Trapani, ma i gusti sono sempre opinabili e una scelta avrebbe sicuramente scatenato le ire di buona parte dei lettori. Per questo non azzardiamo nessun giudizio e vi parliamo della migliore gelateria di Groningen, ridente cittadina olandese quasi al confine con la Germania.

Una gelateria trapanese a Groningen? Sarà stata sicuramente aperta da un emigrato trapanese, direte voi! E invece no, l’idea è di Rick Van Geloven, olandese purosangue. E non crediate che Van Geloven sognasse di fare il gelataio sin da piccolo. Ha avuto una vita come tanti suoi coetanei, fin quando, in vacanza a Trapani, ne rimase folgorato. In particolare a colpirlo fu la brioche col gelato, che non aveva mai visto prima di allora. Il suo stupore non deve essere stato meno grande di quello dei romani alla vista degli elefanti di Annibale! Fu cosi che al ritorno in patria non ci pensò due volte: aprì una gelateria e la chiamò Trapani.

Come si vede, il gelato è migliorabile, ma la storia è affascinante. Tuttavia se vi state già mettendo in cammino per i Paesi Bassi fermatevi un attimo, dobbiamo darvi una delusione, dal 2015 la gelateria non esiste più. Al suo posto c’è un ristorante specializzato in hamburger, più olandese e meno poetico. Ci piacerebbe che un trapanese, assaggiandolo e rimanendone estasiato, aprisse una hamburgeria a Trapani, ripercorrendo così le orme di Van Geloven al contrario. 

Ah, per la cronaca, Van Geloven adesso ha un’azienda che si occupa della produzione di coperte hi-tech. Chissà, forse l’idea gli è venuta cercando un sistema per non fare sciogliere i gelati sotto il sole di Groningen?

Annunci

LA BRIOSCIA CON PANNA

Una cinquantina di anni fa venne organizzata in città una festa di carnevale, con premio finale per il costume che sarebbe stato giudicato piú originale.

Un ingegnoso vestito di carnevale

Ingegnoso vestito di carnevale

Una ragazza della Trapani cosidetta “bene”, volendo vincere a tutti i costi, decise di vestirsi da cassata siciliana. Completamente nuda, con una ciliegina sull’ombelico e un po’ di frutta candita tutt’attorno, si fece accompagnare dall’autista alla festa.

Accadde peró l’imprevisto. Durante il tragitto, all’altezza di un bar, la ciliegina e i frutti canditi si staccarono. Addio cassata siciliana! La ragazza era disperata. Non poteva certo andare alla festa senza vestito… Era in preda ad una crisi di pianto quando venne in soccorso l’ingegnoso chauffer. “Non si muova, vado un attimo al bar”, le disse. E cosí dicendo, fermó la macchina, entrò nel bar, e ne uscí con una grossa coppa di panna montana.

“E adesso?”, chiese lei.
“Non si preoccupi”, rispose lo chauffer. E cominció a spalmarle generosamente la panna tra le natiche.

Brioscia con panna

Brioscia con panna

“Ma che sta facendo?”
“Voleva un vestito di carnevale ed eccolo qua!”

“E da cosa sarei vestita?”
“Da brioscia con panna!”

Ovviamente il vestito ebbe un grande successo e la ragazza vinse il primo premio. La storia fece il giro di tutta Trapani e parecchi anni dopo la ragazza diventata anzianotta e l’autista ricordarono quella serata andando nello stesso bar di tanti anni prima dove ordinarono, manco a dirlo, una brioche con panna.

La storia é autentica e fu raccontata dallo stesso autista a Francesco Renzo Garitta che l’ha inserita nel suo libro “L’odore dei gelsomini”