Archivi

MONDO PIATTO

L’uomo pratico in doppio petto
porta nere scarpe da conservatore
con queste cammina per le sue stanze
i soffitti sono piatti
egli detesta le curve.
Il suo mondo è piatto
costruisce la sua casa
su un terreno livellato
non c’è alcun pendio
nel suo soggiorno.
Squadra gli alberi
delle strade
forme a casaccio darebbero ombra
non frutti.
Se Trapani fosse sui fianchi di Erice
a romboide a coni o in altre forme fantastiche
a guardare la luna curva l’uomo pratico porterebbe i sandali.

Mondo_piatto

Annunci

TOPI TOPI TOPI – ILLUSTRAZIONE DI SALVATORE SALAMONE

Ricordate Topi topi topi, a giudizio di chi scrive la più bella poesia di Nat Scammacca?

A ferragosto, è risaputo, si riciclano i vecchi argomenti e noi non facciamo eccezione, e quindi la proponiamo di nuovo approfittando anche del fatto che un lettore ci ha inviato una illustrazione della stessa poesia realizzata da Salvatore Salamone (link al vecchio articolo).

Topi_topi_Topi_Salamone

Buon ascolto e buon ferragosto!

A TIA CHI RIRI

Una poesia di Vito Colomba:

A tia chi riri
Io mancu ti viu
Né penso li tu nobili smurfiati.

Tu rici chi si cristianu
Ma io mancu ci criu
E mancu sacciu si siti vattiati.

Pariti du ligna ‘ncavigghiati
Comu tanti sacchi ammazzarati.

Io sugnu rozzo
Ma sacciu pinsare
Sacciu lu me tempo comu l’aiu a passare.

Scrissi stu film pi diletto meu
E canali cincu si complimentau
Persone intelligenti, dico io, e di cultura

Ma chi mi ni futtu di li muddricheddre
Si gh’io a lu me lato c’aiu li vastedde.

E un vu scurdate
Io sugnu sempre Vitu
E ora vi salutu
In tutta Italia sugnu canusciutu.

SERAFINO CULCASI, POETA SATIRICO PACECOTO

Peggiu di l’armali

Un liuni pinzau na matina,
Lassari la foresta e la so tana,
Avennu fami di la carni umana.
Versu lu paisi s’avvicina,
Pinzannu di mangiari nquantità,
Facennu straggi di l’umanità.

Ci dissi la vulpi ntelligenti:
Liuni votatitnni, dunni vai?
Cu sta mudirnità tu non lo sai
Chiddu chi succeri tra la genti.
C’è cchiù serietà nta la furesta
Chi l’omini, li donni e picciriddi
Cu st’epuca si mangianu tra iddi.

Lu turista

Lu turista chhi gira pi lu munnu
Nni cunta nta li Nazioni chiddu chi fannu:
In Germania pi la meccanica nun c’è funnu,
In Svizzera pi l’ossigenu chi hannu,

In Somalia pi li banani chi ci sunnu,
In Russia c’è la nivi tuttu l’annu,
In Italia ch’è un luogo di sapienti,
Unu travagghia e deci fannu nenti.

Munnu scilliratu

Poviru nicu misiru ed afflittu
’Nta stu munnu chi nasci a fari,
Manci picca, tintu, malirittu,

Nuddu chi ti veni a cunzulari,
T’affanni la to vita, ti cunzumi
Comu lu pappagghiuni ‘nta lu lumi.

TEMPU

Tempu

Armu putia.
Aju la truvatura
e li carti in regula p’aggigghiari:
licenza, si capisci
un magasenu
e na vitrina
a jornu
cu la nzigna

“ Accattu e vinnu tempu
tempu vecchiu . “

Time

I am setting up shop.
I’ve found my hidden treasure
I have the wherewithal to reap success:
a license, of course
a warehouse
a display window
rented daily
with a sign

“ I buy and sell time
old time. “

Die Zeit

Ich eröffne ein Geschäft.
Ich habe die zündende Idee
Und die notwendigen Fähigkeiten
Um Fuss zu fassen:
Die Genehmigung, natürlich
Der Laden
Und das Schaufenster
Mit der Aufschrift:

“ Ich Kaufe
und verkaufe die Zeit ,
vergangene Zeit . “

 

‘U CUFUNI

Preparate il cufune, mettetelo al centro della stanza e accendetelo. Radunate la famiglia e leggete, lentamente, queste due poesie sul cufune, per secoli protagonista nei freddi e per fortuna brevi inverni trapanesi.

CUFUNE_2

Vincenzo Adamo: ‘U cufuni

Vecchi  e picciotti ‘n circulu a parlari
quannu lu ‘mmernu jia pi riggidiri
tinianu lu cufuni pi quariari,
vicinu e si passavano li siri.

Supra ‘u cufuni, lu circu a vardari
lu ranni focu chi ghia a ‘ncinniriri
robbi vagnati misi ad asciugari
fin quannu cc’era ancora soccu riri

‘U cufuni cu li  tizzuna ardenti
rava ristoru ‘n casa e ‘n ogni lettu
quariava omini giusti e prepotenti
ognunu di lu friddu era protettu.
Vasu ri crita nun vali cchiù nenti
pigghiaru peri ‘a stufa e‘u caminettu.

CUFUNE_1

Alberto D’Angelo: Li termosifuna

Si, certu, li termusifuna
dunanu un caluri tuttu paru:
a casa addiventa un paraddisu
e poi stari ‘n cammisa o c’u piggiama.

Si pensu a lu circu c’u cufuni
a balanza abbucca di ‘sta banna!
Però, a ‘ddi tempi, pi chiddu chi riordu,
friddu di jornu nun ci n’era:

u friddu si sintia si ti curcavi
quann’arrivava l’ura di lu lettu.
Perciö, a cunti fatti, lu cufuni
era chiù conomicu e abbastava.

Grazie a Enyo per le fotografie