Archivi

TRAPANI FUTURISTA

Nel 1928 arriva a Trapani il poeta futurista Filippo Tommaso Marinetti. Al Teatro Garibaldi pronuncia le sue parole in libertà, parole che fra loro non hanno alcun legame sintattico-grammaticale e non sono organizzate in frasi e periodi. La sintassi è distrutta proprio per esprimere senza ostacoli le sensazioni visive, auditive, olfattive provate in giro per la città. 

IL PORTO DI TRAPANI INVERNALE

Ai cari futuristi trapanesi
Gaetano Gionfrida e Giuseppe Candia

Nordica miscela d’acqua anice cielo mare Trapani
ingabbiato di gru metalliche galleggianti
e torbide scritture di pioggia grafomane in necrologie

L’innocenza di quel sale bianco nello schifazzo
sotto la vela tesa e sporca di vita vissuta, va

Freddi astratti mulini delle saline
Tetti di tegole accovacciate sul sale virginale per difenderne la pura
amarezza dal peccato dolcissimo
Su quali pesci morti ruotano gli alti gabbiani partoriti dal cielo tetro
sopra un mare di bile?

Lontanissime vele ferme sintesi d’ogni nostalgia titubante
Ma divampano le fasce rivoluzionarie rosse dei piroscafi in lutto
Rugginosi gabbiani di marinai curvi confessano la draga mastodontica
che estrae dal ventre spaccato rotolanti intestini di rimorsi fangosi
Fuor dai bronzei abissi del porto

Cragliiiing – gliiiing
glooong – glooong
tan-tan tlung-tlung

Sulla strada del porto gli avvisi colorati impongono:

PREFERITE IL LIQUORE SAN GIULIANO

Domani sorseggerò la lunga sagoma pulita di Trapani bevuta dall’alto (800 m)

LA DUCALE PROFUMI DI LUSSO

DAVANT Parigi ventagli pelliccerie delle belle siciliane

Tra le braccia mani aperte del porto entra il postale nero piroscafetto
giocattolo con la ciminiera nera fascista dall’unico azzurro superstite
e relativa stella bianca

Nel centro due canotti sproporzionati sospesi su tutti i naufragi
a poppa si sporge l’angolo retto del marinaio che tende il cordone
ombelicale alla banchina madre

Le barche sbarcano viaggiatori ritti parapioggia liquidati acqua sopra sotto
Garibaldi di marmo sorveglia la simultaneità del porto
Le palme piangono e chiamano il sole
La draga scava il passato

Cragliiing – gliiing
gloooong – gloooong
tan- tan tlung-tlung

Ma la draga accelerando arrotando i suoi rumori diventa subitamente un trapano
trapano di Trapani
trrrapano coloniale nell’Africa vicina.

Zang_Tumb_Tumb

Zang Tumb Tumb, le più famose parole in libertà di Marinetti

A chi volesse approfondire il tema del futurismo a Trapani consiglio il libro Trapani futurista di Salvatore Mugno, edito da ISSPE Editore.

 

Annunci

VIA DELL’ANGELO

Quattru parmi bruciati,
chini di munnizza
chi aspettanu sempri
di essiri annittati…

…CHIANCINU
Jornu e notti
scanzanu la morti
chi meti tuttu,
senza lassari frutti.

…CHIANCINU
…e nun li fa campari
lu focu chi l’appigghia
lestu a svapuliari.

…CHIANCINU
sti palmi senza risettu
e l’assessuri dormi
biatu nta lu so lettu.

Sebastiano Vassallo – Canti d’amuri e d’amarizzi

Copertina_libro_Vassallo

MONDO PIATTO

L’uomo pratico in doppio petto
porta nere scarpe da conservatore
con queste cammina per le sue stanze
i soffitti sono piatti
egli detesta le curve.
Il suo mondo è piatto
costruisce la sua casa
su un terreno livellato
non c’è alcun pendio
nel suo soggiorno.
Squadra gli alberi
delle strade
forme a casaccio darebbero ombra
non frutti.
Se Trapani fosse sui fianchi di Erice
a romboide a coni o in altre forme fantastiche
a guardare la luna curva l’uomo pratico porterebbe i sandali.

Mondo_piatto

TOPI TOPI TOPI – ILLUSTRAZIONE DI SALVATORE SALAMONE

Ricordate Topi topi topi, a giudizio di chi scrive la più bella poesia di Nat Scammacca?

A ferragosto, è risaputo, si riciclano i vecchi argomenti e noi non facciamo eccezione, e quindi la proponiamo di nuovo approfittando anche del fatto che un lettore ci ha inviato una illustrazione della stessa poesia realizzata da Salvatore Salamone (link al vecchio articolo).

Topi_topi_Topi_Salamone

Buon ascolto e buon ferragosto!

A TIA CHI RIRI

Una poesia di Vito Colomba:

A tia chi riri
Io mancu ti viu
Né penso li tu nobili smurfiati.

Tu rici chi si cristianu
Ma io mancu ci criu
E mancu sacciu si siti vattiati.

Pariti du ligna ‘ncavigghiati
Comu tanti sacchi ammazzarati.

Io sugnu rozzo
Ma sacciu pinsare
Sacciu lu me tempo comu l’aiu a passare.

Scrissi stu film pi diletto meu
E canali cincu si complimentau
Persone intelligenti, dico io, e di cultura

Ma chi mi ni futtu di li muddricheddre
Si gh’io a lu me lato c’aiu li vastedde.

E un vu scurdate
Io sugnu sempre Vitu
E ora vi salutu
In tutta Italia sugnu canusciutu.

SERAFINO CULCASI, POETA SATIRICO PACECOTO

Peggiu di l’armali

Un liuni pinzau na matina,
Lassari la foresta e la so tana,
Avennu fami di la carni umana.
Versu lu paisi s’avvicina,
Pinzannu di mangiari nquantità,
Facennu straggi di l’umanità.

Ci dissi la vulpi ntelligenti:
Liuni votatitnni, dunni vai?
Cu sta mudirnità tu non lo sai
Chiddu chi succeri tra la genti.
C’è cchiù serietà nta la furesta
Chi l’omini, li donni e picciriddi
Cu st’epuca si mangianu tra iddi.

Lu turista

Lu turista chhi gira pi lu munnu
Nni cunta nta li Nazioni chiddu chi fannu:
In Germania pi la meccanica nun c’è funnu,
In Svizzera pi l’ossigenu chi hannu,

In Somalia pi li banani chi ci sunnu,
In Russia c’è la nivi tuttu l’annu,
In Italia ch’è un luogo di sapienti,
Unu travagghia e deci fannu nenti.

Munnu scilliratu

Poviru nicu misiru ed afflittu
’Nta stu munnu chi nasci a fari,
Manci picca, tintu, malirittu,

Nuddu chi ti veni a cunzulari,
T’affanni la to vita, ti cunzumi
Comu lu pappagghiuni ‘nta lu lumi.