STORIA DI UN RIVOLUZIONARIO TRAPANESE – ADDENDUM

Louisa Swan, breve autobiografia di una donna altruista

PRIMA PARTE – LA COMUNE DI PARIGI
SECONDA PARTE – L’INTERNAZIONALE SOCIALISTA SBARCA A TRAPANI
TERZA PARTE – DA TRAPANI A SYDNEY
QUARTA PARTE – LA NAVE DEI DISPERATI
QUINTA PARTE – L’ITALO-AUSTRALIANO
SESTA PARTE – L’ESILIO DI ORANGE
SETTIMA PARTE – L’AUSTRALIAN SOCIALIST LEAGUE
OTTAVA PARTE – UN VIAGGIO IN EUROPA
NONA PARTE – FAREWELL TO SYDNEY
DECIMA PARTE – SCEUSA CONTRO NASI
UNDICESIMA PARTE – GLI ULTIMI ANNI

Sceusa_Swan_Marriage

Il Sydney Morning Herald del 17 giugno 1878 riporta la notizia del matrimonio tra Sceusa e Louisa Swan

La storia di Sceusa è finita la settimana scorsa, ma i lettori più attenti si sono chiesti: che fine ha fatto Louisa Swan, la compagna di una vita di Francesco Sceusa?

Louisa ha seguito il marito soffrendo per le sue vicende anche più di lui e, per non essergli di peso, ha tentato addirittura il suicidio. La decisione di tornare a Trapani, sicuramente difficile per Francesco, lo è stata ancora di più per Louisa. Per lui infatti Trapani rappresentava la terra natale, per Louisa era solo una terra lontana, dove non aveva amici e dove sarebbe stato quasi impossibile integrarsi dato che, oltre ad essere analfabeta nella sua lingua madre, l’inglese, non parlava una parola di italiano, che non imparerà mai. Ciononostante decide di seguire il marito, la cui morte, come è facile immaginare ne aggrava l’isolamento e la malattia.

winifred_edgerton_merrill_cyclopedia_biography

Winifred Merrill, famosa matematica e pianista. Capitata per caso a Trapani, si interessa della sorte di Louisa Swan

Per caso una straniera di passaggio a Trapani, Winifred Merrill, la nota e segnala il caso all’Alto Commissario Australiano a Londra che a sua volta informa il primo ministro australiano, William Hughes, vecchio compagno di Sceusa nella Lega Socialista.

Grazie all’interessamento di Hughes, Louisa rientra rientra in Australia, siamo nel 1920, e va a vivere col fratello a Canberra. Successivamente si ritira in convento dove rimane per 18 mesi. Nel 1923 senza fissa dimora, malata mentalmente e senza le necessarie cure ritorna a Sydney, la città dove aveva conosciuto Francesco. Viene ricoverata all’ospedale psichiatrico di Rydalmere e successivamente all’Orange Mental Hospital, dove muore il 16 agosto 1941.

Finisce così la storia triste di Louisa Swan. Non sappiamo molto altro di lei. Come il personaggio di una tragedia greca, arrivò perfino a tentare il suicidio per amore del marito. L’autobiografia di Sceusa, andata perduta, si intitolava proprio Autobiografia di un altruista, e se questo titolo è sicuramente adatto per descriverne la vita, lo sarebbe ancora di più per descrivere quella della moglie Louisa Swan, il cigno triste del Nuovo Galles del Sud.

Louisa_Swan_1878

Louisa Swan nel 1878

(FINE)

Annunci

3 thoughts on “STORIA DI UN RIVOLUZIONARIO TRAPANESE – ADDENDUM

  1. Più che articolo lo definirei Spin-off!
    Un espediente narrativo con il quale la redazione ci delizia nella vigilia Pasquale!
    E grazie a chi ha chiesto lumi su Louisa, l ‘articolo è interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...