SERAFINO CULCASI, POETA SATIRICO PACECOTO

Peggiu di l’armali

Un liuni pinzau na matina,
Lassari la foresta e la so tana,
Avennu fami di la carni umana.
Versu lu paisi s’avvicina,
Pinzannu di mangiari nquantità,
Facennu straggi di l’umanità.

Ci dissi la vulpi ntelligenti:
Liuni votatitnni, dunni vai?
Cu sta mudirnità tu non lo sai
Chiddu chi succeri tra la genti.
C’è cchiù serietà nta la furesta
Chi l’omini, li donni e picciriddi
Cu st’epuca si mangianu tra iddi.

Lu turista

Lu turista chhi gira pi lu munnu
Nni cunta nta li Nazioni chiddu chi fannu:
In Germania pi la meccanica nun c’è funnu,
In Svizzera pi l’ossigenu chi hannu,

In Somalia pi li banani chi ci sunnu,
In Russia c’è la nivi tuttu l’annu,
In Italia ch’è un luogo di sapienti,
Unu travagghia e deci fannu nenti.

Munnu scilliratu

Poviru nicu misiru ed afflittu
’Nta stu munnu chi nasci a fari,
Manci picca, tintu, malirittu,

Nuddu chi ti veni a cunzulari,
T’affanni la to vita, ti cunzumi
Comu lu pappagghiuni ‘nta lu lumi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...