LE TRE REGOLE BASE DELLA PASTA CON L’AGLIO

Protagonista di oggi è il piatto trapanese più conosciuto al mondo, la pasta con l’aglio, conosciuta dai forestieri come pesto alla trapanese, e chiamata talvolta agghiata dai locali.

Questo non è un post per puristi, vuole solo dare alcuni consigli su come prepararla, soprattutto ai non trapanesi.

pesto_alla_trapanese

Gli ingredienti consigliati per 3 persone, sono:

500 gr. di pasta, meglio se busiate

4-5 pomodori

80 gr. di mandorle sgusciate

1 mazzetto di basilico

Olio d’oliva

Poco sale

Aglio

Regola numero 1: le dosi. La quantità di aglio dipende dalle preferenze personali, ma evitate l’errore di non metterne abbastanza. Potete usare questa tabella come riferimento:

Light
uno spicchio a testa più 1 per il mortaio
Medium
una testa per 4 persone

Strong

una testa per 3 persone

Extreme

una testa d’aglio per una persona

Mettere nel mortaio l’aglio, le mandorle, il basilico, il sale ed eventualmente un filo d’olio, e con un movimento rotatorio del pestello, schiacciate il contenuto contro le pareti del mortaio. Ricordate, non state impugnando un martello!

Continuate fino a raggiungere una poltiglia cremosa e abbastanza omogenea. Al posto delle mandorle si possono usare le noci o altra frutta secca della medesima consistenza.

Regola numero 2: importantissimo è non usare mai il frullatore. L’aglio va pestato nel mortaio, meglio se di pietra, per permettere l’estrazione dell’allicina, una sostanza che, dicono gli scienziati, non è presente nell’aglio intero e si crea soltanto quando viene schiacciato. Quasi una magia che nessun frullatore o robot da cucina può eguagliare.

A questo punto è il momento dei pomodori. Se avete tempo e voglia aggiungeteli nel mortaio e pestate pure quelli. Se invece vi volete sbrigare metteteli, questi si, nel frullatore. La differenza, a detta di chi scrive è minima, e siccome nessuno ha tempo da perdere, ve lo consigliamo, soprattutto se state cucinando per molte persone.

Ricordiamo che il risultato che si ottiene è migliore coi pomodori spellati, ma se siete pigri o andate di fretta, anche con la buccia può andare.

Regola numero 3: non usate i pomodori pelati in barattoli, ma quelli freschi che assorbono il tono pungente dell’aglio lasciando solo il sapore. Con quelli in barattolo il risultato è diverso. Provare per credere.

A questo punto unite il tutto, aggiungete l’olio extravergine d’oliva. E qui per non incorrere nell’ira dei lettori ci limitiamo a dire che un’olio di bassa qualità può compromettere tutto, quindi attenzione.

Tutto qui. Il pesto è pronto e non va assolutamente riscaldato, anzi, a parte pochissime eccezioni, ricordiamo che l’aglio si mangia crudo. A che ci siamo prima di chiudere due parole sull’aglio: è meglio che sia locale. Di Nubia, Paceco, o Locogrande non importa, purché non vi allontaniate troppo dalla zona. Però siccome molti lettori ci leggono da oltre confine e siccome nella vita talvolta bisogna sapersi adattare, potete utilizzare l’aglio che trovate sul posto, avendo l’accortezza di utilizzare una volta e mezza le dosi originarie. Per esempio se in base alla tabella di sopra volete usare 4 spicchi d’aglio trapanese, ma avete a disposizione solo aglio, mettiamo caso, francese, abbiate l’accortezza di usare 6 spicchi. In questo modo otterrete all’incirca la stessa quantità di allicina, anche se il sapore e la digeribilità non saranno gli stessi. Non è il massimo, ma se l’alternativa è rinunciare alla pasta con l’aglio allora siete perdonati.

Calare e scolare la pasta, condire e mangiare. Per quanto riguarda il tipo di pasta, consigliamo le busiate, ma a nostro avviso non ne esiste uno che ci stia male. Ah, quasi dimenticavamo, accompagnate tutto con le melanzane fritte, avendo cura di fare scolare l’olio in eccesso su carta di giornale. Buon appetito!

Post scriptum: oggi non parliamo degli innumerevoli effetti benefici dell’aglio. Forse in futuro dedicheremo all’argomento lo spazio che merita, per oggi andiamo a cucinare.
Annunci

2 thoughts on “LE TRE REGOLE BASE DELLA PASTA CON L’AGLIO

  1. Da umile commentatore posso confermare che il pesto fatto con l’aglio “giusto” dà un risultato di qualità evidentemente superiore! Peccato che le occasioni di mangiare la vera pasta con l’aglio sono rare anche se spesso richieste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...