TOCCO… DI CLASSE

Npassatella-1o, oggi non parliamo di Gigi Rotondi né di salsicce, ma di un gioco che nasce dall’unione di alcool e carte da gioco. Si tramanda da tempo immemore e l’obiettivo é quello di bere il più possibile  facendo rimanere appinnuti, cioè a bocca asciutta, gli altri giocatori, soprattutto chi apprezza particolarmente l’alcool.

Si può giocare in quanti si vuole e siccome l’unione fa la forza, si vengono spesso a formare due “cordate”, in modo tale da aumentare le chances di bevuta. Per partecipare serve una abbondante quantità di vino, birra o altra bevanda alcolica, e un mazzo di carte da gioco.

gioco_della_passatellaChi detiene inizialmente il vino è deciso tramite conta, da cui il nome tocco, oppure con le carte. Il sorteggiato, che per il disturbo può bere la quantità che preferisce o non bere affatto, nomina un nuovo capo e un sottocapo, da cui deriva il nome con cui è conosciuto in molte parti di Sicilia, Patruni e Sutta. La scelta è molto importante perché il capo propone al sottocapo due persone a cui far bere, ma il sottocapo, finché il nominato non ha poggiato le labbra sul bicchiere, ha diritto di veto e quindi se fra i due non si raggiunge un accordo si crea una situazione di stallo che talvolta dà luogo a contrattazioni e perorazioni che possono essere interrotti dal giocatore inizialmente sorteggiato che bevendo lui stesso mette fine alla diatriba. La “bellezza” del gioco sta nell’oratoria di capo e sottocapo che, per giustificare le loro scelte, danno vita a infervorati discorsi, e in cui si possono mescolare ironia, vecchi risentimenti, passioni represse o addirittura umiliazioni che, non deve meravigliare, ogni tanto degenerano.

Terminato il round di bevuta, si prosegue con un nuovo tocco fino all’esaurimento degli alcolici senza un vero e proprio vincitore.

Anche il grande Nino Martoglio ha dedicato al tocco una delle sue poesie.

U TOCCU

(‘ntra la taverna d’ ‘u zù Turi u’ Nanu)

Attoccu ju… vintottu ‘u zù Pasquali…

Biviti? – Bivu, chi nun su’ patruni?

– Tiniti accura… vi po’ fari mali…

Maccu haju a’ casa! – E ju scorci ‘i muluni!…

– Patruni fazzu… – A cui ? – A Ciccu Sali

– Ah!… E sutta? – A Jabicheddu Tartaruni.

– (A mia ‘mpinniti ?… A corpa di pugnali

finisci, avanti Diu!…) – ‘Stu muccuni,

si quannu mai, ci ‘u damu a Spatafora?…;

– Troppu è, livaticcinni un jriteddu.

– Nni fazzu passu!… – A cui?… Nisciti fora!…

A mia ‘stu sfregiu? – A vui tintu sardaru!…

Largu! – Largu! – Sta’ accura! – ‘U to’ cuteddu!…

– Ahjai, Sant’Aituzza!… m’ammazzaru!

Nino Martoglio – Centona

Una variante leggermente meno diffusa è quella in cui l’obiettivo è far ubriacare chi non apprezza particolarmente l’alcool. Il gioco è anche possibile per i minori, a patto ovviamente di utilizzare bevande analcoliche.

Buon divertimento!

 

Annunci

2 thoughts on “TOCCO… DI CLASSE

  1. Non è chiaro come siano utilizzate le carte però… i cari lettori aspettano impazienti di giocare con la redazione tutta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...