SETTIMEU

Carte_sicilianeTipico gioco del periodo dell’Immacolata, quando cominciano le giocate a carte, è il Settimeu. In passato era giocato soprattutto dalle donne e dai bambini che si riunivano in cortile. Ne riassumiamo quindi le semplici regole con la variante in cui al posto dei soldi si usano le mandorle. 

Si gioca in quanti si vuole, anzi più giocatori ci sono, meglio è. Ognuno mette una mandorla al centro del tavolo. Una volta si usava il tavoliere, quello per preparare la pasta fresca e che spesso costituiva l’improvvisato tavolo da gioco.

Le regole sono semplicissime. Il mazziere distribuisce una carta scoperta a ciascun giocatore. Se la carta è di denari il giocatore vince una mandorla, oltre quella messa a montepremi inizialmente. Dopo che la prima carta di denari è uscita, il piatto si dice spignato, (qui un altro esempio di spignatura) . Le mandorle rimaste nel munzeddu alla fine del giro sono del mazziere.

Se però esce il sette di denari la mano finisce. Il fortunato allunga le braccia e gridando “Settimeu!” porta a sé tutte le mandorle rimaste.

Fare settimeu è entrato nel linguaggio comune per indicare scherzosamente un comportamento avido e bramoso, proprio come quello del giocatore di Settimeu.

Adesso nell’attesa del prossimo articolo sapete cosa fare… :-)

Annunci

7 thoughts on “SETTIMEU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...