BREVISSIMA STORIA DELLA MONTE ERICE

Cari lettori, dopo breve pausa estiva rieccoci a parlare della Monte Erice, la cui 59-ima edizione si correrà a settembre.

Le caratteristiche tecniche del percorso e le bellezze naturali ne fanno una delle gare automobilistiche siciliane più importanti e appuntamento fisso per gli studenti che saltano la scuola per andare a vedere le prove dell’acchianata o munte.

Dal 1998, oltre la corsa vera e propria, si svolge anche la rievocazione storica. Nella foto una Lancia Ardea del 1952

La prima cronoscalata è stata organizzata nel 1954 dall’Automobile Club di Trapani. Vinse Pasquale Tacci su Alfa Romeo 1900 TI che coprì i 16550 metri del tragitto iniziale in 11’30”, alla media di 87.347 km/h. Chi è andato a Erice in macchina sa quanto prodigiosa sia stata l’impresa di Tacci!

Da allora la corsa è cresciuta di anno in anno fino a diventare uno degli appuntamenti fissi del Campionato Italiano Velocità Montagna (link). Nel corso degli anni il percorso è stato via via accorciato. Dagli oltre 16 chilometri iniziali si è passati ai circa 6 attuali, che, dal 1988 vengono ripetuti in due manches. In qualche occasione (1961, 1976, 1977, 1980 e 2013) problemi organizzativi hanno impedito lo svolgimento della competizione.

Nino Vaccarella, tre volte vincitore della Monte Erice, ha avuto una carriera ricca di successi. Nella foto è assieme al francese Jean Guichet, con cui nel 1964 ha vinto la 24 ore di Le Mans alla guida di una Ferrari 275P. Purtroppo dopo la gara non avrà il tempo di festeggiare perché deve tornare immediatamente a Palermo per impegni di lavoro nella scuola di cui è preside. Da quel giorno sarà per tutti il “preside volante”.

Non c’è stato mai un trapanese tra i vincitori, anche se sono stati molti i siciliani: Angelo Giliberti detto Bitter, l’imbattibile Piero La Pera, che, nell’auto con cui aveva vinto, trovò la morte qualche anno dopo mentre era impegnato in un’altra competizione, Nino Vaccarella, il “preside volante”, Eugenio Renna, che correva con lo pseudonimo di Amphicar e che, oltre agli avversari, doveva fare attenzione anche al sedile della propria auto che talvolta non riusciva a reggerne il peso, il marsalese Benny Rosolia, finito poi in prigione per estorsione per una vicenda legata neanche a dirlo al mondo delle automobili, il “principe del volante” Enrico Grimaldi, che nobile lo era davvero e che detiene il record di vittorie della gara, ben 7, Ferdinando Latteri, che dopo le gare continuò a correre in ambito accademico e politico, tanto da diventare rettore dell’Università di Catania e deputato, eletto alla Camera per quattro volte, il sicilianissimo Ludwig Von Kappen, che in realtà si chiamava Ignazio Capuano e che usava un nome falso per non giustificare al capo le troppe assenze dal lavoro, il pilota gentleman Nino Todaro e Luigi Sartorio che, ispirato da Claudia Cardinale, correva col nome di Popsy Pop.

Noi ci fermiamo qui, ma chi volesse approfondire la storia della Monte Erice può farlo leggendo i due libri dei fratelli Lo Duca editi da Manu Edizioni Sportive.

Con Monte Cofano a fare da sfondo, la Ferrari California, è stata presentata in Sicilia, si vocifera, per volere di Montezemolo 

Annunci

8 thoughts on “BREVISSIMA STORIA DELLA MONTE ERICE

  1. Mi immagino già i lussuriosi banchetti al termine della gara. Dalla griglia di partenza alla grigliata di pesce e ghiotte di babbaluci!
    Ma Nino Vaccarella apprezzava il lattume?

  2. Sicilia terra di motori e di prestigiosi meccanici!
    Io ho comprato la mia Alfa in onore della targa Florio, che spero il Rumpiteste presto ci racconti!

  3. Mi avvicino al Rumpiteste con questo articolo e rimango subito affascinato dalla figura di Nino, il preside a tutto gas.
    I grandi uomini di una volta, di giorno in classe ma nel weekend a tavoletta!
    Anche lei, direttore, ha alternato l attività lavorativa a quella di educatore?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...