I MISTERI – UNDICESIMA PARTE

PRIMA PARTE – Introduzione
SECONDA PARTE – Le confraternite
TERZA PARTE – Dalle casazze ai misteri
QUARTA PARTE – Piccoli incidenti di percorso
QUINTA PARTE – Una arrancata fino ai giorni nostri
SESTA PARTE – Carchet
SETTIMA PARTE – Maestri trapanesi dell’arte della colla e tela
OTTAVA PARTE – Multimedia: dalla Spartenza all’Incoronazione di Spine
NONA PARTE – Multimedia: da Ecce Homo all’Addolorata
DECIMA PARTE – A vella

Il mistero più grande

Abbiamo già detto che il 6 aprile 1943 un bombardamento americano distrugge l’oratorio della Chiesa di San Michele dove erano custoditi i misteri. Il restauro di quelli danneggiati e la ricostruzione di quelli andati persi per sempre è affidato a falegnami e intagliatori locali. Il gruppo della Sollevazione della croce viene affidato al maestro d’arte palermitano, ma trapanese di adozione, Domenico Li Muli.

Il mistere distrutto nel 1943 – Foto Edizioni Rosa Gianquinto – Collezione privata Beppino Tartaro

Il mistere distrutto era unanimemente considerato tra i peggiori dal punto di vista artistico: modellazione imperfetta, dettagli anatomici sbagliati, scarso rispetto delle proporzioni, irrazionale la disposizione dei personaggi. Li Muli dà sfogo alla creatività e, ispirandosi ai canoni classici, toglie un tribuno e un servo e aggiunge un soldato, facendo diventare il Cristo il fulcro della rappresentazione.

Non c’è dubbio che il nuovo mistere, realizzato con molta maestria, è sicuramente migliore del precedente, tanto che Nino Genovese nel Giornale di Sicilia del 23 marzo 1951 lo descrive come un’opera rinascimentale e travolto dall’entusiasmo arriva addirittura a scomodare Michelangelo in un azzardato paragone.

Sollevazione_croce_1951

Il mistere rifiutato – Foto di Beppino Tartaro

Il nuovo mistere va quindi in processione accompagnato dai migliori auspici, ma quel venerdì santo accade qualcosa che nessuno aveva previsto. Ai trapanesi quel mistere proprio non piace.

Lo giudicano troppo diverso dagli altri ed in effetti lo era. Li Muli aveva riprodotto in maniera eccessivamente fedele gli abiti romani ed esagerato nell’accuratezza della scultura. Tuttavia c’era anche qualcos’altro: quel mistere era troppo grande. E qui una spiegazione è d’obbligo.
Nonostante i misteri siano stati costruiti, restaurati, ricostruiti nell’arco di secoli da mani diverse, una regia invisibile ne ha stabilito le dimensioni. Questo codice non scritto vuole che il primo mistere sia il più grande. Dopodiché l’altezza dei misteri deve decrescere di pochi millimetri alla volta, diciamo mediamente un centimetro a mistere, per far sembrare gli ultimi misteri più lontani di quanto effettivamente non siano e quindi l’intera processione ancora più lunga e imponente.
La sollevazione della croce, quindicesimo mistere, rompeva questa regola e anche se doveva essere soltanto una decina di centimetri più alto del precedente, in processione dovette sembrare gigantesco agli occhi dei trapanesi. Ed ecco spiegato perché non piacque e a Li Muli fu imposto di rifarlo da zero. 
Sollevazione_croce_1956

La seconda ricostruzione della sollevazione della croce

Il maestro probabilmente non fu contento, ma si rimise velocemente all’opera. Si dice che prese i calzoni e il camice da lavoro, li mise indosso al giudeo e avvolse tutto con una buona mano di colla. Soluzione geniale, ma che dimostra allo stesso tempo quanto poco entusiasmo mise nel lavoro.

Il nuovo mistero, che aveva i personaggi con vestiti simili allo stile spagnolo, più consoni al gusto popolare, e delle figure più semplici, piacque ed entrò a far parte della processione nel 1956. 
E il vecchio mistere? Nessuno sembrò prestagli attenzione.  Fu abbandonato per anni nella già abbandonata Chiesa del Collegio, e poi riportato alla luce ed esposto in tempi più recenti a Palazzo Riccio di Morana in Via Garibaldi. Adesso ha trovato la sistemazione definitiva nella Galleria d’Arte dell’ex carcere della Vicaria, intitolata dal 2002, guarda caso, a Li Muli, minimo riconoscimento alla genialità dell’artista.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...