A LA BACICIA

Disclaimer: la lettura di questo articolo è consigliata ad un pubblico adulto. Esci subito se non sei interessato. Non dire che non ti avevo avvertito!

Non possiamo certo congedarci da Calvino senza leggere un’ode dedicata alla Bacicia, sua geisha preferita.

A LA BACICIA
CELEBERRIMA BUTTANA

Ti sia propizia Veneri,
Amabili Bacicia,
Di l’omini delizia!
Cunfortu d’ogni Cicia!

Nun vanti cchiù la Grecia
La sua famusa Frini…
‘Na mossa di ssi natichi…
Addiu Greci e Latini!

Oh sticchiu inestrudibili!
Oh fonti di duciura!
Unni li Grazj sparginu
Futtarri modi ogn’ura!

Ti saluta e ti venera
Lu stissu Diu Priapu,
E pi tri voti scoppula
Lu machinusu capu.

L’orti di la tua Patria
In grazia tua cunsola,
Già fatti abbunnantissimi
Di porri e di citrola.

O sticchiu di lu zuccaru
Milli voti cchiù duci!
Unni lu meli formanu
Li graziusi puci.

Chi si l’api raccogghinu
Lu bellu d’ogni ciuri,
D’ogni sticchiu raccogghinu
Li puci lu sapuri.

E dda poi pirculannulu,
Nni formanu dda vrisca,
Chi d’ogni sticchiu amabili
Cunteni in se la mmisca.

Cussì, mentri di futtiri
Mi crju una picciotta,
Nni futti centumila
E ‘ntra ‘na stissa botta.

Gilusa nn’è ogni fimmina,
Gilusa e mmidiusa;
Ma tu triunfa e sprezzali,
Bacicia graziusa.

Chiancinu, si disperanu
Li poveri mugghieri,
S’affannanu, si ‘mpestanu,
Sù fatti tanti feri.

Nun sannu chi si perdinu
Li maritali botti,
Li mariti ci tornanu
Di futtiri cchiù dotti.

Alcuni allicca-ciauri
Di cori romanzischi,
Si cridinu sensibili
E chi ‘un l’attrappi o pischi;

E in tonu tuttu enfaticu
Deploranu li mali
Chi fa lu futtisteriu
Chiamannuci brutali.

Di ventu poi si pascinu
Chissi cori di tarpa,
Si cridinu di futtiri,
Si toccanu ‘na scarpa.

O ss’animi di suaro!
Pi ‘un dirici minchiuni:
Oh di ssu sticchiu bacchiaru
Tastassiru un vuccuni!

Chi ‘nnamurata e spasimi!
Chi lastimi! Chi picchi!…
Cu sei tarì strafuttiri
La gioja di li sticchi!

Invanu si rizzelanu
L’austeri magistrati:
Cu quali forza astutanu
Li cazzi quadiati?

Cui cc’è chi po’ accustariti
Pri fariti ‘n’offisa?
Cui ti lu tocca un gniditu
Senza la michia tisa?

E poi quali politica
Livari in società

Cui ci dà motu ed anima,
Cui forma li cità?

La gioventù cchiù stupida
Lu futtiri sminchiuna:
Un omu granni chiamasi
Omu cu li cugghiuna.

Profani chi ‘un cumprienninu
Lìarcani di natura
Pri cui ogni cosavegeta
Si riproduci e dura.

Nun sannu no chi ogni essiri
Si aggira ‘ntra stu pernu
E chi li munni duranu
Pri un futtisteriu eternu.

Futti lu suli, Cinzia,
L’acqua, la terra futti;
Futti lu mari, l’aria,
Lu focu futti a tutti.

Futtinu l’ervi, l’arvuli,
Oceddi, feri, pisci,
All’omu poi lu futtiri
Pirchì si pruibisci?

Futti, Bacicia, futtiti;
Scialati ssu sticchiazzu,
S’arrapa, cerchi ammatula
Pri caritati un cazzu.

Sicuramente torneremo a parlare di Calvino, ma per il momento questa breve serie di articoli a lui dedicati si conclude qui…

Annunci

One thought on “A LA BACICIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...