GIUSEPPE MARCO CALVINO, POETA E PORNOGRAFO (2)

Disclaimer: la lettura di questo articolo è consigliata ad un pubblico adulto. Esci subito se non sei interessato. Non dire che non ti avevo avvertito!

Ed eccu accuminzau
Lu jocu di li cani.
Vasanu,
Strincinu,
Fricanu,
Muncinu

LU TRIUNFU SUPRA LU MUNNU, LA CARNI E LU DIMONIU

Ad un Calvino dottor Jekyll che scriveva elegie corrispondeva un Calvino Mr. Hyde, poeta lubrico, che traeva ispirazione dai postriboli. Li conosceva bene, ed erano la sua grande passione. Per Calvino solo al loro interno si può trovare l’amore, quello vero, finalizzato alla soddisfazione sessuale, che comincia e finisce tra quelle mura e che qualsiasi relazione affettiva inevitabilmente infiacchisce. Cominciò a frequentarli forse dopo una cocente delusione patita da giovanissimo. Il suo stile, però, sembra il meno adatto a descrivere quell’ambiente.

E perché, se morir deggio
Tanti affanni e tante cure
E una vita di sventure
Imprecarmi nel pensier?

Non sembra Parini? Invece è proprio lui! Ma man mano che passa il tempo, dal suo calamaio esce il Parini ed entra il Calvino più genuino. Abbandona il tosco fosco e usa la parlata popolare, più adatta ad esaltare la forza dell’eros atavico. Amava le prostitute e ne ha fatto il soggetto di molti suoi versi, che però non pubblicò mai, forse per mancanza di un editore o più probabilmente perchè le considerava solo un divertimento e non all’altezza delle poesie “serie”, quelle scritte in italiano. Le Poesie Scherzevoli, così si chiamò questa raccolta, furono pubblicate clandestinamente solo nel 1900, ben 67 anni dopo la sua morte, da un gruppo di non meglio identificati anarchici trapanesi. Nel frontespizio si legge “Tipografia Sociale – Palermo”, ma era solo un espediente per sfuggire la censura. In realtà furono stampate a Trapani.

In esse Calvino è allegro e spensierato, come ne Lu futtiri a volu:

Futti a volu lu passaru, e lu gaddu;
Futti a volu lu merru, e lu cardiddu;
Ma vidi comu futti lu cavaddu,
Chi un’ura si ci strica miatiddu!
Si ‘nta lu sticchiu nun ci fai lu caddu,
Si nun t’arriva ‘ntra l’ossu pizziddu,
Si ‘un ti lo scorciu tuttu, e ‘un ti lu speddu,
Chi gustu ci avirrà ssu sticchiareddu?

Che differenza tra il primo Calvino delle Elegie, artificiale e falso, il secondo dove invece è autenticamente lui!

Ne Lu pueta ‘mbriacu ‘ntra lu ‘nchiudituri, Il poeta ubriaco al bordello, non è difficile riconoscere il protagonista:

Haiu giratu la Magna e la Spagna,
Supra lu sticchiu m’è fattu la tigna;
Sangu nun mi nn’attrova cui mi sagna,
Mi jucai pri lu sticchiu e casi e vigna.
Lu me’ forti è lu sticchiu e la cucagna,
Mentri m’assisti sta minchia firrigna;
Prima chi m’addiventa ‘na lasagna.

Il tema di fondo, se così possiamo dire, delle Poesie Scherzevoli è la contrapposizione tra la natura benevola, che elargisce il sesso e la morale corrente che lo condanna. Le sue considerazioni sono affidate ai filosofi: Lu  filosofu bazzarruni, Lu filosofu garrusu, Lu filosofu minaturi, Lu futtituri filosofu. In esse si esaltano il coito, la sodomia, l’omosessualità, la masturbazione, espressioni di sessualità libera e selvaggia.

L’occhi appena si ‘npannanu,
La vucca si ‘nsirragghia,
Cumincia la battagghia,
E affunciu unni và và.

Lu filosofu pintutu, è l’ultima poesia con protagonista un filosofo che alla fine si pente della sua condotta scellerata e giura alla moglie di cambiare vita. Sembra che a parlare sia proprio lui…

Addiu cazzu, addiu culu, e addiu sticchiu!
Vogghiu fari ‘na vita ritirata;
Voggh’esseri la corda cu lu sicchiu
Cu dda fissa, chi Diu m’ha distinata.

Promettu e giuru a ssu sulu virticchiu
Fidi in eternu sta santa jurnata;
Chi pozz’essiri surdu, ciuncu e mutu,
Si sti cugghiuna nun ci appennu in vutu.

E poi segue un profluvio di buoni propositi. Peccato che la descrizione delle rinunce promesse non fa altro che screditare quel ritorno all’ordine coitale e coniugale.

Sucuna, lingua e lingua e dd’autri cunti,
Ddi muzzicuna di n’arma arraggiata,
Ddi funciari ‘ntra ddi minni junti
Comu si farria la sapunata

Munciri li cugghiuna? senza mai!
Sucariti la minchia?… un cazzu.. a cui!…
Vasari sticchiu, alliccari… minchiuni!…
Matri mia, chi schifiu!… chi piccatuni!…

Basta chi sarvu l’arma, e mi nni futtu.

Non è un filosofo qualunque che parla. E’ proprio lo stesso Calvino!

E non ci sono tabù o argomenti vietati. Qualsiasi cosa è ammessa: non si salvano né Maria Antonietta di Francia, “un po’ puttanella”, che, sebbene gracilina, riesce a sfiancare un dotato cavaliere, né la baronessa Fissacara, a cui dedica un epigramma spiegandoci, ma non ce ne sarebbe bisogno!, il perché del soprannome. Nel Trionfu ci parla della “masturbazione dei defunti” ogni primo lunedi del mese, e non sfugge alla sua penna nemmeno un angelo sporcaccione che vuole approfittare della morte di una badessa.

Facennu scatta scatta a lu minchiuni,
Si nni ‘celu la spusa di Diu;
Davanti lu gran tronu addinucchiuni
Lu sticchiu sanu tutta leta offriu.

Ma un anciulazzu, ch’era marpiuni,
Lu jditu a pruvarlu ci trasiu,
Ed idda affruntatizza cu ragiuni,
Strincennusi ‘ntra un pugnu si cugghiu.

Lu diavulu però si nni ridia,
Di facci e facci ci facia lu piditu;
Li ‘mbrogghi di dd’armuzza li sapia.

E ‘un ridia a tortu la bestia ffuttuta,
Chi cazzu ci pruvava cu lu jditu?…
Di jditu è futtuta, e strafuttuta.

Chissà, se avesse pubblicato lui stesso queste sue poesie, forse oggi sarebbe lui il sommo poeta, e Calvino e la Bacicia sarebbero famosi quanto Dante e Beatrice…

Per ironia del destino, nel 1872, ancora prima che le Scherzevoli venissero pubblicate, l’amministrazione trapanese gli dedicò una via, la Strada Pagghia, oggi via Poeta Calvino, dove sorgevano delle famose case di tolleranza, chiuse una cinquantina d’anni fa dalla legge Merlin. Ma è veramente un caso?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...