IL PERICOLOSO BAGNO DI FERRAGOSTO

“Non fare il bagno a Ferragosto!” Chissà quante volte abbiamo sentito questa frase a cui non sapevamo dare spiegazione. Perché mai col caldo di Ferragosto uno non dovrebbe andare al mare?

Per rispondere vediamo che succede in città in questi giorni. Chiunque passi da Trapani la prima metà del mese non può non vedere che all’alba tutte le strade della provincia si riempiono di fedeli che fanno il viaggio alla Madonna per raggiungere il santuario di Trapani. I viaggi si intensificano dopo il 7 agosto, festa di Sant’Alberto, e ancora di più man mano che ci si avvicina al 15, ultimo giorno della quindicina e vigilia della grande Festa del 16. In pratica il ferragosto si può considerare un tutt’uno che va dal 6 al 16 del mese.

Ferragosto marianoIl culmine dei festeggiamenti erano, e sono, i quattro giorni dal 13 al 16. In passato, di solito era il secondo giorno, davanti alla cappella della Madonna c’era il pubblico delle grandi occasioni. Era per assistere alla tirata del velo, anzi dei veli, che infatti erano sette. Il momento era aspettato con ansia da coloro che erano stati incarcerati per debiti, e che per l’occasione venivano scarcerati. Ma tra il pubblico c’erano anche ossessi, spiritati, posseduti dal demonio, energumeni, che al momento della scopertura dovevano gridare “Viva Maria SS. di Trapani!”. Si può facilmente immaginare che il gridare per loro risultasse difficile e penoso, se non impossibile, e allora i presenti, congiunti, amici, sacerdoti, cominciavano a urlare in coro “Viva Maria SS. di Trapani”, e, tirando i capelli delle povere anime, le aiutavano in quello sforzo sovraumano. I poveretti finivano così per pronunciare anche loro le fatidiche parole e in quel momento terribile tutti i presenti serravano la bocca avvicinandovi immagini sacre perchè i demoni, abbandonando il corpo dello spiritato, avrebbero tentato di rientrare immediatamente negli altri presenti.

“Antonio   Caradonna   figlio   di   Vito,   e   di   Giovanna   Caradonna, Spiritato  con  tanto  spavento,  essendo  così  oppresso che  non  poteva  in alcun  modo  chetarsi,  fu  menato  dentro  la  Cappella  della  nostra  Signora, e quivi dopo molto romore, e grandissimo strido a suo mal grado uscì del corpo  di  quel  giovane  il  maligno  Spirito  in  forma  di  Scaravazzo,  come viddero, e testificarono con la madre quei, che vi furono presenti, e questo fu l’anno 1603 11 d’Agosto”                                 Antica testimonianza

Linda Blair, la bambina dell'Esorcista

Linda Blair, la bambina dell’Esorcista

Passato quel momento drammatico, le entità demoniache cominciavano a vagare e, forse per sfuggire alla canicola o forse perché avevano più possibilità di trovare facili prede, andavano a mare dove entrando “dalla bocca o da qualsiasi altro buco” si impossessavano di altri sprovveduti che dovevano aspettare l’anno successivo per liberarsi dal male, rimettendo così in circolazione gli spiriti malvagi. Al giorno d’oggi, l’usanza è pressochè scomparsa, ma attorno al Santuario dell’Annunziata in questo periodo si incontrano persone strane, streghe, sciamani, ossessi, persone che sperano in un miracolo o spiriti irrequieti.

Allora, è più sicuro stare a casa e limitarsi alle abbuffate…, o no?

Annunci

One thought on “IL PERICOLOSO BAGNO DI FERRAGOSTO

  1. Finalmente il ritorno del RT con un eccezionale articolo!
    Noi appassionati lettori abbiamo per un po’ temuto il peggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...