PIANTO ROMANO

pianto_romanoSe passate dalla strada statale SS113 dalle parti di Segesta potete visitare il sacrario di Pianto Romano. E’ stato costruito per celebrare il ricordo di quanti hanno dato la vita nell’eroica battaglia di Calatafimi del 15 maggio 1860, poco più di una scaramuccia ingaggiata dalle truppe garibaldine, supportate da bande di picciotti reclutati dai “notabili” locali, contro l’esercito borbonico (ne abbiamo già parlato qui). I borbonici all’inizio sembravano avere la meglio, ma alla fine vennero battuti e qualcuno spiega l’avvenimento con generose elagizioni di mazzette da un campo all’altro di battaglia. Ad ogni modo, nel 1885 per commemorare quella vittoria venne eretto il sacrario di Pianto Romano, progettato dal famoso architetto Ernesto Basile, che tutti gli studenti universitari di Palermo ben conoscono.

Ma perchè questo nome? Forse gli antichi romani hanno perso qualche guerra da queste parti? Una guerra così importante che fece scoppiare tutti in lacrime?

Niente di tutto questo. La spiegazione è semplice. Su questa collinetta c’era un vigneto di proprietà di uno che faceva Romano di cognome. Quindi il posto era conosciuto come “piante di romano” ovvero “chianti i rumano”, poi italianizzato in Pianto Romano.

Elemetare Watson…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...