COPPA AMERICA E LEGGENDE METROPOLITANE

C’é chi crede che l’uomo non sia mai andato sulla luna, c’é chi crede che l’11 settembre 2001 nessun aereo abbia colpito le torri gemelle, c’é chi crede che Elvis sia ancora vivo o che Paul Mc Cartney sia morto e infine c’é chi crede che la Coppa America e la cittá di Trapani non abbiano niente a che fare.

Di solito non mi occupo di teorie di complotto, ma almeno su quest’ultima un po’ di chiarezza si deve fare.

Il treofeo dell'America's Cup a Erice, foto vera o abile fotomontaggio?

Il trofeo dell’America’s Cup a Erice. Foto autentica o abile fotomontaggio?

L’America’s Cup é la piú antica competizione velica del mondo a cui partecipano solo due squadre, i vincitori dell’edizione precedente, nel mondo della vela chiamati defender, e gli sfidanti, i cosidetti challenger.

Se volete conoscere la storia della America’s Cup vi rimando ai siti specializzati, peró fatemi ricordare qui uno dei suoi pionieri, Sir Thomas Lipton, che, laddove ormeggiava il suo yatch, portava una bevanda fino ad allora quasi sconosciuta, il té, e assieme a questo anche un gioco da poco inventato nel suo paese e che diventerá presto lo sport piú diffuso al mondo, il football. I suoi affari lo portarono anche in Sicilia, dove non si fece sfuggire l’occasione di fondare un torneo che portó il suo nome. Ne abbiamo giá parlato brevemente qui. Incredibile, quanto é piccolo il mondo…

Purtroppo Sir Thomas non riuscirá mai a sollevare l’ambito trofeo.

Tra amici - The American Sportsman: "Se non possiamo tenervi entrambi, preferiremmo perdere la Coppa che perdere Voi, sir Thomas"

The American Sportsman. La didascalia: “Se non possiamo tenervi entrambi, preferiremmo perdere la coppa piuttosto che perdere Voi, Sir Thomas”

Fino al 1983 c’era un solo sfidante per il team campione in carica. Dal 1983 invece gli apiranti sfidanti sono piú di uno e quindi é necessaria una serie di regate preliminari per stabilire chi deve affrontare l’equipaggio campione. E’ nata la Louis Vuitton Cup.

Si arriva cosí al 2003 quando l’America’s Cup é vinta per al prima volta da un equipaggio europeo, ma curiosamente di nazionalitá svizzera, nazione che non ha nemmeno uno sbocco sul mare. E’ un bel problema. Di solito le regate sono ospitate dalla nazione detentrice del titolo. Adesso non si puó certo organizzare una competizione cosí prestigiosa nel lago di Ginevra!!

E allora Alinghi, questo il nome del team campione, sceglie Valencia come sede per l’America’s Cup. Per quanto riguarda la Louis Vuitton Cup viene deciso di assegnarla non solamente tramite regate match race, ovvero uno contro uno, come fatto fin allora, ma tramite una lunga serie di regate, chiamati Acts, anche di flotta durante i tre anni dal 2004 al 2007, regate che si svolgono in diverse parti d’Europa: a Marsiglia, a Malmö, nella stessa Valencia e, nel 2005, a Trapani. Sono gli Acts 8 e 9 della Louis Vuitton Cup, che sará vinta dagli Emirates Team New Zealand sconfitti poi da Alinghi nelle acque di Valencia.

Testimoni oculari, fotografie, filmati, trasmissioni televisive, wikipedia, giornali d’epoca, gli skipper, tutto il personale delle imbarcazioni e semplici appassionati di vela non lasciano scampo: le regate che si svolsero a Trapani nel 2005 facevano realmente parte dell’America’s Cup, la cui finale si svolse a Valencia nel 2007.

30 settembre 2005: Luna Rossa contro Victory Challenge

30 settembre 2005: Luna Rossa incrocia le vele contro Victory Challenge

L’organizzazione dell’evento portó a Trapani, é proprio il caso di dirlo, una barca di soldi per ristrutturare il porto e abbellire la cittá. Si parla di 45 milioni di euro. Soldi che sarebbero dovuti servire per realizzare i lavori, ma che invece sarebbero finiti nelle tasche di uomini d’affari, mafiosi, politici e burocrati. Nel 2013 l’operazione Corrupti Mores portó alla luce un diffuso malcostume e al sequestro di 30 milioni di euro a due imprenditori trapanesi che, con l’appoggio di Matteo Messina Denaro, si sarebbero aggiudicati i maxi appalti senza concludere i lavori o portandoli a termine con materiali scadenti.

Chissá come spiega questa inchiesta giudiziaria chi nega l’esistenza della America’s Cup a Trapani?

Le Poste Italiane hanno pure emesso un francobollo per l’occasione.

Francobollo_Luois_Vuitton
Anche loro parte del complotto?

Annunci

5 thoughts on “COPPA AMERICA E LEGGENDE METROPOLITANE

    • Io ad esempio. TP capisco il campanilismo ma finché erano battute andava bene, ora che ci scrivi pure un articolo la cosa degenera. :D
      l'”America’s Cup” non é mai stata disputata a Trapani. Punto e basta. A Trapani si sono disputati degli acts preliminari alla Louis Vuitton Cup. Nemmeno la Louis Vuitton Cup é Coppa America. Come ti ho giá detto in passato, é come se tu dicessi che il campionato Mondiale di Calcio 2010 si e’disputato a San Marino perché a San Marino si sono giocate alcune gare di qualificazione del Gruppo 3 Europeo. O, per rimanere in tema velico, é come se dicessi che Azzurra ha partecipato alla coppa America al pari del Moro di Venezia e della prima Luna Rossa. Cosa non vera. Punto!
      Convincitene tesoro :-*

      • Le conclusioni dell’articolo vanno al di là di ogni ragionevole dubbio…
        Ci rinuncio. E’ più facile spiegare la relatività di Einstein a Francesco Totti.. :-)

      • Conclusioni giuste? Se ti riferisci al francobollo, quello si è giusto! Perfetto direi! Valencia’ s America’s Cup, Trapani Luis Vuitton Acts.. ;)

        Secondo me Totti la capisce la Teoria della Relatività… Tu invece sta cosa della coppa america, proprio non ti riesce di digerirla… :):)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...