GRANDEUR SICILIANA NEL SETTORE DELLE INFRASTRUTTURE

Da tanti anni si fa un gran parlare del Ponte sullo Stretto di Messina.

Dovrebbe collegare la Sicilia all’Italia, e viceversa, in modo piú rapido, comodo ed economico rispetto all’attuale sistema di traghetti. Si trovano giá fiumi di parole sull’argomento e quindi oggi si parliamo solo delle altre opere, molte, non meno importanti, ma che non ricevono la stessa attenzione dai mass media.

ponte sullo stretto

Come dovrebbe apparire il Ponte sullo Stretto


Una é la TAV. Tutti conoscono la Torino-Lione, in linguaggio burocratico l’asse ferroviario numero 6 della Rete di trasporto trans-europea (TEN-T), ma non tutti sanno che ci sono altri corridoi in Europa. Uno é il corroidoio numero 1 che taglia l’europa longitudinalmente da Berlino fino ad arrivare a Palermo. Ma una volta che l’alta velocitá arriva a Palermo che vuoi fare, non si puó estendere la linea di un altro centinaio di chilometri fino a Trapani? E’ quello che deve aver pensato Elio Vito, storico e strettissimo collaboratore di Berlusconi, che nel 2008, quand’era Ministro per i Rapporti con il Parlamento, rispose testualmente ad una interrogazione parlamentare (link)

Il Ministero delle infrastrutture, al fine di dare un senso compiuto al completamento della dorsale del corridoio europeo 1, che congiunge Berlino al centro del Mediterraneo, ritiene opportuno provvedere, oltre Palermo, alle opere per il miglioramento della linea ferroviaria fino a Trapani

Qualche tratto in Sicilia é stato anche costruito, ma le solite lentezze dal lato tedesco stanno rallentando il progetto.

Treno-più-veloce-del-mondo

Il treno Tokyo-Nagoya, il piú veloce del mondo (finora)

Un’altra opera ancor piú faraonica é stata generata dalla fantasia di Totó Cuffaro, ex presidente della Regione Sicilia, attualmente in carcere per favoreggiamento. Siccome c’é molto di piú in comune con l’Africa che con l’Europa l’idea era quella di costruire un tunnel tra i due continenti, un po’ come quello sotto la Manica, che avrebbe dovuto collegare Sicilia e Africa piú o meno tra Mazara e  Al Huwariyah in Tunisia. Idea non sbagliata ma troppo futuristica che é stata abbandonata dopo i noti problemi giudiziari di Cuffaro.(link sul sito della Regione Sicilia, link all’articolo di Repubblica)

Il percorso del tunnel Tunisi Mazara

Il percorso del tunnel Tunisi Mazara

Insomma, alla fine ci dobbiamo accontentare ancora del vecchio, comodo e affidabile treno. 

Ma quanto sono veloci i treni in Sicilia? Una indagine del Codacons del 2004 mette a confronto il viaggio a cavallo del generale Farace che nel 358 a.C. andó da Agrigento a Siracusa (307 km) per prevenire lo sbarco di Eraclide con lo stesso tragitto fatto in treno ai giorni nostri. Plutarco ci racconta che Farace impiegó una intera notte, non di piú del treno 2800 anni dopo (link).

E andare da Caltanissetta a Trapani é ancora piú complicato, come si legge nel bel reportage del sito LINKIESTA (link).

Ma attenzione, non é finita: a Trapani per i treni si preannunciano tempi duri. Sta arrivando la trazione animale! (link) La proposta é stata successivamente (parzialmente) smentita dal sindaco Vito Damiano (link). Sensibilitá verso gli animali o idea ancora troppo avveniristica?

Annunci

3 thoughts on “GRANDEUR SICILIANA NEL SETTORE DELLE INFRASTRUTTURE

  1. GRANDE ALE!!!

    E con tutte queste infrastrutture “futuristiche”, per non dire quasi impossibili da costruire, poi c’è pure chi va dicendo che in Sicilia siamo arretrati! XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...