I ´NNIMMI

Santu Giorgio cavalieri
vui a cavaddhru, iò a peri
pi la Vostra Santità
façitimi sapiri ‘a verità.

Chi non ha mai sofferto per la mancanza di notizie su una persona cara? Ormai la diffusione di telefoni e internet ha ridotto drasticamente il fenomeno, ma in passato non mancavano le occasioni di allontanarsi da casa lasciando nell’angoscia i propri cari.

Fino a una cinquantina di anni fa, ci racconta Giuseppe di Marzo in Echi dialettali della Vecchia Trapani, il rituale dei ‘nnimmi era diffuso e veniva praticato quando mancavano notizie di una persona che si temeva essere in grave pericolo di vita o addirittura deceduta.

Il rituale consisteva nell’andare di notte in giro per la cittá origliando discorsi e frasi pronunciate da occasionali passanti, che venivano interpretate come un oracolo. I piú pigri, o impossibilitati a muoversi, si limitavano semplicemente ad aprire le finestre di casa a mezzanotte, ed ascoltare. I professionisti dei ‘nnimmi erano bravissimi anche a dare il giusto significato al latrato di un cane, al pianto di un bambino e altri rumori.

Ecco come lo descrive Tore Mazzeo nel libro POESIE TRAPANESI – Baddhraronzuli 2, dopo l’invocazione a san Giorgio riportata all’inizio.

A mezzannotti quannu tuttu taçi
e ‘a genti curcata runfulìa
quarchi cristiana sula a taçi maçi
ascuta ‘i so’ nnimmi e ‘un pipitìa.

Da la finestra di la so’ casuzza
ntrèppita ‘u silenziu di li strati
l’aricchi e l’occhi boni si l’alluzza
pi sentiri ‘i frasi çiuçiuliati.

Ca menti pensa a soccu oli sapiri
(si tornanu ‘i figghi priçioneri)
aspetta queta e cu fiducia criri
a li nimmi chi su’ cusuzzi seri.

Eccu ch’avvista a dui (parlanu araçiu):
«Beddhru stu vinu, supraffinu veru.»
«E ‘i pizzi cu tuttu ddhru ran caçiu?»
«Accussì beddhri cchiù nun nni viremu.»

Ddhra puvireddhra pensa a li so’ figghi
«Accussì beddhri cchiù nun li viremu…»
Vucia, cci vennu puru li stinnigghi:
Ah, comu svegnu, ah, com’è chi tremu…»

‘U maritu chi dormi a sonnu chinu,
sintennu ssu fracassu ‘intra la chiana,
s’arruspigghia e scinni ru littinu
calannusi pi’ sutta la pacchiana.

Curri p’a casa cu li peri nuri
Viri so’ mogghi nterra stinnigghiata
Chi dici: «I me figghi, criaturi
Cchiù nun viremu cchiù nna’ ssa casata.»

«Picchì chi t’arrivau ‘u tilanfilu?»
«No, ma ‘u sacciu, iò ‘i nimmi fici;
iò moru cu ssa còllura nsuppìlu…»
«Figghia di ntrocchia a tia e a c’un t’u rici.»

Si curcanu tirànnusi ‘u cutruni,
‘U maritu chi ietta runfuliati
e ‘a mogghi c’a testa a pinnuluni
e chî rinocchia tutti arrimuddrhati.

Annunci

2 thoughts on “I ´NNIMMI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...